.
Annunci online

lacongregadellaspiga
"All'infuori del cane, il libro è il miglior amico dell'uomo. Dentro il cane è troppo scuro per leggere". G.M.


Diario


14 febbraio 2005

Pantani

Le cose più grandi sono quelle che ha fatto quando tutti dicevano che era finito.

Era facile infatti, facile per lui, dominare le salite, renderle dolci e piane, quando a nessuno sarebbe venuto in mente di negare che era il più grande. Quando, tolta la bandana con un gesto che per gli avversari era un saluto, più che una sfida, si lasciava indietro tutti, rossi in volto, in affanno, sorpresi e ammirati. Restavamo lì a piangere e ridere insieme, con De Zan a cantare le gesta dell’eroe quasi fosse un poema epico, perché questo è il ciclismo, questo era, epica che fa piangere e ridere insieme.

Poi il buio, il silenzio; no, le urla, l’indice puntato, che strano godimento sentire quanto rumore fa un eroe che cade.

Su quelle salite, quelle con gli occhi addosso che aspettavano l’ultima caduta, ha fatto le cose più grandi. Lui che era il più grande si è fatto gregario di nuovo, quando le forze erano poche, perché le gambe andavano, ma la testa non voleva sentirne. Ha piegato le salite per il compagno più giovane, perché la strada lo sa, non dimentica, la strada lo sa e si lascia piegare.

Con la faccia triste, ha fatto capire a un texano troppo sicuro di sé che persino col piombo che si portava addosso, in salita volava più di lui.

Poi di nuovo buio, e silenzio. Stavolta silenzio d’attesa, di speranza, perché il Pirata prima o poi dovrà tornare, così dicevamo. E nell’ultima fotografia è tornato grande, il più grande, uno scatto che lascia indietro tutti, ancora una volta, rossi in volto, in affanno, sorpresi e ammirati. Ma per poco, troppo poco, solo per pochi metri.

La fine è ancora buio e silenzio, silenzio vero, su quella strada che non si lascia piegare più da nessuno, perché la strada riconosce chi sa far ridere e piangere insieme.

 

Il Capitano

 




permalink | inviato da il 14/2/2005 alle 0:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        maggio
 
 




blog letto 61135 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Atti Ufficiali
Scritti

VAI A VEDERE


La congrega è un circolo mecenatico che si guarda intorno, che scruta la
realtà, con occhio a volte critico e leggero ma a volte anche   caustico
e pesante come una mannaia. Perchè a noi non ci incula nessuno.
Mozzo di Prua

Questo blog è gemellato

con gli amici dell'Accademia della Crusca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"NOI baggisti siamo abituati a sognare: affrontiamo le pause, spesso lunghissime,le panchine, quasi sempre immeritate, gli allenatori e gli infortuni ... con una serenità che fa invidia. Perché per noi, dopo, c´è sempre un miracolo. Noi baggisti diamo un nome, o un numero, ai miracoli. Il prossimo si chiama "ventitré"... Noi baggisti detestiamo il vittimismo e sorridiamo anche alla sfiga. Noi baggisti siamo irragionevolmente ragionevoli, ci gettiamo a corpo morto nell´assaporare le sfide e ci specchiamo nell´incredulità degli altri. Noi baggisti siamo speciali. Cioè lui, Robi Baggio, è speciale e per questo sarà sempre bellissimo essere baggisti. E continuare a sognare..."

Ivan Zazzaroni da "La Stampa"

 

 

 

 

 

 

CERCA